copertina 2

INTERVISTA A NUNZIO DA VINCI DJ

Con ben tre versioni di un pezzo tutto estivo e tutto da ballare, abbiamo incontrato un di fama internazionale, date anche le collaborazioni con dj del calibro di Bob Sinclar, orgoglioso di parlarci del suo ultimo , il quale vede la collaborazione con la prestigiosa etichetta Stay Record diretta dal produttore Vinn Camporeale….

Benvenuto Nunzio,

partiamo dal in questione, “The Sounds of Summer” che già dal titolo preannuncia il calore e il sole dell’estate in corso…cosa comunica e cosa intendi trasmettere al pubblico con questo tuo ultimo singolo?

Dopo un periodo terribile come quello della Pandemia, ho voluto trasmettere tutta la voglia di ripartire e tornare alla normalità, apprezzando anche le piccole cose alle quali, purtroppo, abbiamo dovuto rinunciare durate i vari lock down. 

 

Vinn Camporeale non è solo il produttore dell’etichetta, ma anche coautore con te di The Sounds of Summer, com’è nata questa collaborazione e che cosa significa potersi confrontare con altri , come del resto hai fatto in passato…

Ho incontrato Vinn grazie al mio agente Lele Mora e, dal momento in cui ci siamo conosciuti, è scattata subito una sintonia fortissima che  è sfociata nella creazione delle tre versioni di The Sounds of Summer. Collaborare con altri artisti è sempre estremamente stimolante perché si fondono nuove idee e si può dar vita a progetti più sfaccettati. In fondo ogni artista è portatore di tante sonorità che, fuse assieme, danno vita a nuove ed entusiasmanti creazioni. 

A proposito di collaborazioni prestigiose infatti, come ho ricordato in apertura, hai condiviso la consolle con Dj di fama mondiale… quanto esperienze come queste, diventano per un artista, stimolanti…?

Leggi anche  “Luci gialle di città”, il nuovo disco di Matteo Liberati

Incontrare e collaborare con artisti di fama mondiale e sempre una crescita immensa e stimolante. In passato, come hai detto, mi è capitato di suonare a stretto contatto con personaggi del calibro di Bob Sinclar, David Morales, Morgan il frontman dei Bluvertigo, Francesco Facchinetti e tanti altri. Sono delle esperienze meravigliose che ti permettono di crescere artisticamente migliorandoti sempre più. Tra l’altro sono esperienze sempre affascinanti da vivere.

 

E di stimolante ha di sicuro l’incontro con il tuo attuale agente Lele Mora, noto personaggio dello spettacolo, come è avvenuto tale incontro…?

Ho incontrato Lele Mora con l’intento di presentargli il mio progetto musicale. Da subito è scattata un’intesa  fortissima che è sfociata in The Sounds of Summer. Abbiamo poi in evoluzione moltissime altre idee sulle quali stiamo lavorando e che vedrete prossimamente.

 

Da questo incontro è partito il progetto dell’ “The Sounds of Summer”, pezzo che hai inciso in tre diversi versioni, da cosa deriva questa scelta e quali sono state le mosse per raggiungere il risultato che ti eri prefissato…?

Il mio intento era di creare un brano che facesse ballare e che festeggiasse il ritorno alla normalità dopo la Pandemia trasmettendo tutta la gioia di vivere. Proprio per questo motivo, ho deciso di incidere il brano in tre versioni, di cui anche una Tech House. Da DJ ho sempre amato vari generi musicali e le tre versioni vogliono rispecchiare e far conoscere la mia passione per i diversi generi ad un pubblico più ampio. 

 

Hai spiegato come il brano The Sounds of Summer sia nato durante il periodo critico degli scorsi mesi e di come esso voglia rappresentare al meglio la ripartenza ed il senso di una nuova libertà finalmente riconquistata….

Leggi anche  Disponibile "Virgo" il brano di esordio dei Club Amor

Assolutamente si, The Sounds of Summer vuole trasmettere tutta la gioia di vivere soprattutto dopo un periodo brutto come quello che abbiamo vissuto. Per me vuole essere un po’ un inno alla vita e spero che lo diventi per molti.

 

Tra le tante partecipazioni ad eventi di moda e spettacolo, quale ti ha permesso di esprimerti al meglio…?

Sicuramente essere stato DJ ufficiale di Dolce&Gabbana per tanti anni per me è stato non solo un onore, ma anche uno stimolo artistico fortissimo. Tra gli altri eventi che per me hanno avuto un significato indelebile da un punto di vista artistico e umano c’è sicuramente la Vogue Fashion Night Out e la Fashion Week perché mi hanno permesso di trasmettere emozioni ad un grande pubblico. 

“The Sounds of Summer” è già presente in tutti i digital store e sicuramente farà ballare un bel po’ di gente in riva al mare, dopo l’estate, hai già qualche progetto in cantiere…?

Certamente, ho molti progetti in cantiere sia discografici che di altro genere dei quali ti parlerò sicuramente più avanti. Per il momento ti faccio un piccolo spoiler: sto lavorano anche per aprire un nuovo locale a Milano con una forte connotazione musicale… 

 

CONTINUA A LEGGERE