Vai al contenuto
  • 2 min read

Intervista a Matteo Salvi inarte.teo

Uscito il 28 maggio 2021 California, il nuovo singolo di inarte.teo feat. uale. Un nuovo capitolo che racconta le periferie di Roma, sognando di essere in California. Un brano che ci riporta allo stato emotivo dell’attesa di un viaggio e della conseguente leggerezza dopo un periodo per niente facile.

Ecco cosa ci ha raccontato!

Ciao Matteo, perchè “inarte.teo”?

In realtà mi suonava bene, nulla di più

Hai avuto dei progetti musicali precedenti? Quali? E’ facile avviare un progetto musicale in una città grande come Roma?

Si, ho avuto dei progetti musicali, ho suonato la chitarra in un gruppo Metalcore per diversi anni. Secondo me è facile avviare un progetto in una città così grande, si hanno molte ispirazioni e si può conoscere molta gente. Lo svantaggio può essere il fatto che nelle grandi metropoli c’è molta concorrenza e quindi è più difficile emergere

La scena romana è una cosa reale anche nel 2021?

Assolutamente si! È una cosa che secondo me non è mai mancata. Forse non è arrivata a tutti, però c’è sempre stata!

Cosa ne pensi dei talent? Ne dovremmo avere paura?

Dipende dai progetti che si hanno in cantiere e dal tipo di genere che si fa, può essere tanto vantaggioso quanto svantaggioso

Come siete entrati in contatto tu e Uale?

Io e Uale ci conosciamo da diversi anni, frequentavamo la stessa scena musicale Core e a distanza di anni ci siamo rincontrati

Cosa c’è nel tuo futuro musicale?

Per ora molte idee in cantiere, spero però di riuscire a suonare nuovamente dal vivo

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.