intervista a Luigi Segnana [lessness]

Uscito il 7 maggio 2021 Saturday Night, il nuovo singolo del progetto solista di Luigi Segnana [lessness], che ci avvicina sempre di più alla pubblicazione del suo nuovo album, dal titolo Void, in uscita a settembre. Un nuovo mondo che sarà presto svelato, e già anticipato dal recente EP V. [to the hearts that ache], nato durante il complicato periodo del lockdown, nel corso del quale Luigi Segnana, in mancanza del suo basso (fatalmente in manutenzione), ha sperimentato nuove sonorità minimaliste indirizzandosi verso l’uso di strumenti acustici (chitarra acustica, violoncello, pianoforte).

Ecco cosa ci ha raccontato nell’intervista Luigi Segnana [lessness]

Quando approfondiremo queste tue nuove sonorità in un nuovo disco?

L’uscita del disco è prevista per settembre, per ora ci si dedica al dolce far nulla visto che lavorare stanca.

Come la vedi la situazione live? Hai già qualche concerto in programma?

Vedo un po’ di fermento e di ripresa. C’è però molta cautela soprattutto riguardo ad eventuali assembramenti, speriamo bene. Ho qualche idea, per ora niente di definito.

Qual è il sabato sera di cui parli nel tuo ultimo singolo?

Ogni sabato può essere quel sabato sera. Per quanto riguarda quel sabato sera in particolare non lo so potrebbe essere stato e non stato contemporaneamente. Un

parto della mia mente piena di buchi temporali ed esistenziali.

Come hai sfruttato il tempo in più concesso dalla pandemia?

Ho riscoperto il gusto di suonare strumentazione classica e mi sono dedicato a venire a patti con me stesso e la tendenza estrema alla malinconia.

Prossimi step per il tuo progetto musicale?

Suonare, suonare, suonare ovunque sia possibile. Metterci tutto l’amore che ho.

https://www.facebook.com/lessnessgrey/https://www.instagram.com/lessnessgrey/

Feedback
Feedback
Se lo desideri scrivi il tuo feedback
Prossimo
Inserisci la tua email solo se desideri essere contattato in merito al tuo feedback
Torna
Invia
Sei il migliore! Grazie per aver inviato il tuo feedback