Vai al contenuto
  • 3 min read

Intervista a Giacomo Luridiana dopo il singolo It’d be lovely

Dal 4 giugno è disponibile in rotazione radiofonica “IT’D BE LOVELY”, brano di GIACOMO LURIDIANA già presente su tutte le piattaforme di streaming

IT’D BE LOVELY” di GIACOMO LURIDIANA è una ballata che guarda alla vita come ad un percorso cieco, senza guide né direzioni. Un mistero che è impossibile da svelare e che, proprio per questo motivo, ci dispera e appassiona allo stesso tempo.

Spiega l’artista a proposito del singolo«“It’d be lovely” è una delle mie canzoni più vecchie. Il brano vuole dipingere come ci si sente a non avere una direzione, a non sapere mai cosa ci aspetta dietro l’angolo o chi saremo tra sei mesi o un anno».

Ecco cosa ci ha raccontato!

  • Come mai hai deciso di tornare in radio con un brano già pubblicato da tempo?

Era un po’ che aspettavo di poter proporre It’d be lovely in radio e l’occasione si è presentata con l’inizio della collaborazione con la Red & Blue e con la realizzazione del lyric video del brano. E’ una canzone che mi ha accompagnato per anni ormai e ogni anno che passa la sento sempre più mia, era arrivato il momento di distribuirla in maniera più ampia.

  • Che ne è rimasto della tua passione per i Linkin Park?

Sono tra i miei artisti preferiti da suonare, in particolare The little things give you away è una delle cover che preferisco in assoluto suonare. Poi tante tante ore passate ad ascoltarli. Anche se non è molto evidente dalla mia musica, nella vita di tutti i giorni mi accompagnano in tante attività, a seconda del periodo inizio ad ascoltarmi incessantemente un album ppiuttosto che un altro, ultimamente sto ascoltando quasi solo Reanimation.

  • Di cosa parla It’d be lovely?

E’ una canzone che racconta del sentirsi spaesati e paradossalmente più fragili da grandi che da piccoli. Il titolo si riferisce a quanto sarebbe bello che qualcuno a un certo punto ci desse le risposte che cerchiamo, che sia una guida o solo qualcuno di più esperto e vissuto, ma questo non avviene e sembra violare le regole del gioco.

  • Come la vedi la situazione live? Hai già in programma qualcosa?

Non ancora, ma sto lavorando ad un album e non vedo l’ora di presentarlo di fronte a un pubblico. Voglio tornare ad esibirmi al più presto, sia su un palco che per strada. La situazione è difficile, ma bisogna capirla e fare uno sforzo collettivo per poter tornare al più presto alla normalità senza sacrificare nulla e nessuno nel processo. Spesso mettiamo interessi di categoria davanti agli interessi più basici e collettivi della comunità e questo non può che essere dannoso, bisogna stare attenti ad evitarlo.

  • Come hai sfruttato il tempo in più concesso dalla pandemia?

Ho ripreso la chitarra classica, che avevo abbandonato per qualche tempo. Ho comprato qualche libro e sto costruendo un piccolo repertorio che mi piacerebbe suonare presto in strada, prevalentemente musica sudamericana e spagnola, Villa Lobos, Brouwer, De Falla.

Ascolta il brano

Open in Spotify

Biografia

Giacomo Luridiana nasce nel 1995 e fin da piccolo manifesta la volontà di esprimersi attraverso qualsiasi forma d’arte gli capiti a tiro. Cantautore per vocazione, fan dei Linkin Park per passione, ha studiato per sette anni chitarra classica, imparato da autodidatta quella acustica, studiato canto per cinque anni e ingegneria del suono per due.
Il suo nuovo brano dal titolo “Primavera” è disponibile in radio e in digitale dal 9 aprile. Il singolo “It’d be lovely”, già presente sulle piattaforme di streaming, è in rotazione radiofonica dal 4 giugno 2021.

Facebook
Instagram

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.