Intervista a Foresta: “Vi racconto un po’ di me”

Ascoltare Foresta è come spalancare una finestra, affacciarsi e respirare l’aria fresca del mattino. Già autore e produttore per diversi artisti di Sony Music e Universal Music, Foresta è un artista a 360° che, grazie alla sua personale cifra stilistica, riesce a dare il massimo come cantante, autore, produttore e regista. “RIMANGO DA SOLO” (Senza Dubbi/Believe Music Italia) è il suo nuovo singolo, in radio e in digitale dal 23 aprile.

 

Presentati con tre aggettivi a chi ancora non ti conosce.
Determinato, leale, lunatico!

Come mai hai scelto di chiamarti Foresta e come questo nome si rispecchia nella tua musica?Foresta in realtà è il mio cognome e quando ero piccolo un po’ me ne vergognavo perché i miei compagni di classe mi prendevano in giro! Ora invece il mio intento è renderlo importante! Ne vado orgoglioso! Non trovo un nesso tra foresta e le sonorità della mia musica, però sicuramente vorrei riuscire a creare un sound Foresta, riconoscibile. Ci lavorerò!

È uscito “Rimango da solo”, il tuo nuovo singolo. A cosa ti sei ispirato?
“Rimango da solo” è un brano che è nato dopo un periodo molto pesante, dovuto al Covid, in più mi sono lasciato assorbire completamente dalla rottura amorosa della mia migliore amica, l’ho vista soffrire e questo mi ha spinto a voler scrivere di queste relazioni tossiche che a volte ci imprigionano!

In quale momento del giorno scrivi musiche e testi?
Non ho un momento preciso, sono molto istintivo e tendo ad aspettare l’ispirazione, che a volte arriva alle 3 di notte mentre guardo un film, a volte alle 2 di pomeriggio mentre mangio un piatto di pasta! Ovviamente in entrambi i casi, mi alzo e vado in studio a scrivere.

Domanda classica: seguirà un disco o un EP?
Ci sarà sicuramente un EP che racchiuderà i brani a me più cari, scritti negli ultimi anni! Ci saranno un po’ di sfaccettature diverse di Foresta, ma in tutte le sonorità, racchiuderò sempre un messaggio importante.

Inseguire la tua passione per la musica cosa ha tolto alla tua vita e cosa invece ha dato fino ad ora?
Non mi ha mai tolto niente, sono un organizzatore nato e sono sempre riuscito a fare bene tutto ciò in cui mi sono cimentato, con moltissimi sacrifici! Cosa mi ha dato? Non basterebbero 1000 pagine per spiegarti quanto io sia fiero di ogni passo fatto per inseguire la mia passione! Ho talmente tanto da dire e da raccontare… aspetta l’EP (risata).

Quali sono i tuoi programmi per i prossimi mesi?
Sto lavorando al mio EP che spero di riuscire a far uscire il giorno del mio compleanno il 30 novembre. E nel mentre continuò la mia strada da autore e produttore per altri artisti, mirando ad un contratto aurorale con qualche importante major discografica

Videoclip: https://youtu.be/OWs4yQKrGzU