Vai al contenuto
  • 3 min read

Intervista a Federico Berichelli di Percentomusica su Music Creators

Si è da poco concluso Music Creators, un percorso esperienziale e immersivo col fine di offrire agli studenti un nuovo modo di concepire il rapporto tra mondo digitale e mondo reale in ambito artistico. Abbiamo raggiunto Federico Berichelli di Percentomusica, uno dei più noti centri per la formazione professionale dei musicisti sul territorio nazionale che ha ideato questo corso svoltosi a Roma nel mese di dicembre e offerto a 28 studenti grazie al contributo dalla Regione Lazio.

 

Music Creators è un corso innovativo con grandissime potenzialità. Ci raccontate com’è nata l’idea?
È nata parlando con i nostri studenti e rendendoci conto di come non avessero chiaro quale enorme cambiamento stessero per vivere nell’industria musicale. Noi siamo sempre molto attenti a capire in quale contesto i nostri ragazzi si ritroveranno a lavorare dopo gli studi ed era impensabile non prestare attenzione a questo fenomeno che sta sconvolgendo l’industria dell’intrattenimento e sta finalmente facendo sbocciare delle potenzialità enormi per gli artisti. Riteniamo che i ragazzi creativi, che amano utilizzare i nuovi strumenti di comunicazione e aspirano a lavorare con la musica siano è estremamente fortunati perché si apprestano a vivere un momento storico senza precedenti in questo ambito.

Che riscontri avete ottenuto dai ragazzi selezionati e come si sono svolte le prime due settimane?
I riscontri sono stati al di là delle nostre aspettative. Il corso è estremamente intenso sia dal punto di vista delle informazioni ma anche per ciò che riguarda il carico emotivo, il rischio era che i ragazzi venissero travolti da una sorta di fiume in piena e invece ci hanno decisamente stupito. Non solo sono stati splendidamente al passo ma addirittura hanno dato loro stessi nuovi input, stimolando ulteriormente i docenti che a loro volta si sono sentiti ancora più coinvolti. Insomma si è messo in moto uno scambio tra i ragazzi stessi e tra i ragazzi e i docenti che sinceramente non avevamo dato per scontato.

Il secondo step si è svolto tra Natale e Capodanno negli studi di MusicOFF. Com’è nata la collaborazione con loro?
Musicoff è un partner di vecchia data, non vorrei sbagliarmi ma credo che l’amicizia di alcuni di noi con il loro fondatore Thomas Colasanti risalga a un’epoca pre-percentomusica e pre-musicoff! Al di là di questo comunque MusicOff è effettivamente un partner ideale di questo progetto, loro sono stati dei pionieri nella creazione di contenuti multimediali in ambito musicale e hanno sviluppato sempre di più la produzione video tanto da aver aperto di recente dei nuovi e bellissimi studi di produzione. Chi meglio di loro poteva aiutare i nostri ragazzi a sviluppare skills da videomaker?!

Per concludere, in futuro voi organizzatori di Percentomusica ripeterete l’esperienza riproponendo lo stesso corso ad altri ragazzi?
Sicuramente sì, questa prima edizione è stato un esperimento e direi che è riuscito piuttosto bene! Sia gli studenti che i docenti sono davvero entusiasti e quindi lo ripeteremo sicuramente, l’idea è quella di organizzare un Summer Camp a luglio abbinando le tre settimane di corso a una bella vacanza nella capitale, in modo da permettere di partecipare anche ai tanti studenti che si erano interessati ma che non hanno potuto perché non abitano a Roma. Cercheremo di nuovo il supporto della Regione o di altri partner che vorranno intervenire in qualità di sponsor per offrire delle borse di studio ai ragazzi ma in ogni caso, essendo noi un’associazione no-profit, lo proporremo a prezzi accessibili.

nv-author-image

Agnese

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.