Vai al contenuto
  • 3 min read

Il percorso musicale di Orazio Russo nell’intervista

Intervista a Orazio Russo

Qual è stato il momento in cui hai capito che era ora di dar vita al tuo progetto musicale?
Devo dire che io suono da tantissimi anni ed ho sempre suonato brani di mia composizione, mai cover, dunque il mio progetto musicale è nato appena ho preso per la prima volta la chitarra in mano.

Dicci qualcosa sul tuo background: qual è stata la tua formazione e quali sono i tuoi artisti di riferimento?
Musicalmente nasco a metà degli anni ’80, in quel periodo ascoltavo tutto ciò che offriva la musica alternativa, dal rock al punk, dal dark alla new wave. Mi piaceva spaziare ed apprendere tutto quello che questi generi offrivano ma se proprio devo dire chi in quegli anni ha rapito il mio cuore, formato il mio modo di suonare e agire sui suoni direi gruppi come The Sound , Simple Minds, The Cure, The Church, The Smiths.

Come senti di essere evoluto da quando hai cominciato a fare musica ad oggi?
L’evoluzione è una costante naturale, cresci ed impari. Direi che sperimento un po’ meno rispetto a molti anni fa ma sono sicuramente più concreto e molto più esigente sulla composizione e sulla realizzazione dei brani.

In che modo il brano “Il tempo che non torna” è rappresentativo della tua persona?
È un brano sicuramente malinconico, un amore che finisce di certo non è mai una bella cosa se non fosse altro per il senso di sconfitta che in ogni caso si vive ed io ho una parte del mio carattere fortemente malinconico.

Che musica stai ascoltando in questo periodo?
In questo periodo ascolto molto il cantautorato italiano, Johnny Marr ( ex Smiths) e gli Stereophonics.

C’è un artista con cui vorresti condividere il palco?
Ho una lunghissima lista di artisti Italiani ed esteri, da dove vuoi che inizi?

IL TEMPO CHE NON TORNA il nuovo singolo di ORAZIO RUSSO

“IL TEMPO CHE NON TORNA” è un brano pop che spazia tra sonorità wave ed abbraccia quel sentimento nostalgico che ogni individuo prova nel rendersi conto che tutto quel tempo che credeva di possedere, in realtà, è inesorabilmente trascorso. Con questo brano Orazio Russo ci invita a vivere a pieno ogni istante che abbiamo a nostra disposizione, senza mai cullarsi che ci sia un domani per poterlo fare.

Spiega l’artista a proposito della release: «Ho scelto “IL TEMPO CHE NON TORNA” come singolo perché è il brano che più mi ha rappresentato durante questo periodo di forti dubbi e di tante domande: le restrizioni, il sentirsi assolutamente in balia del nulla, la paura di non avere più la possibilità di vivere immaginando di poter fare, di avere il tempo di fare. Tutto questo mi ha messo in una condizione di forte presa di coscienza che in un qualsiasi rapporto interpersonale, ma soprattutto in amore, non bisogna mai perdere tempo ma essere presenti al tempo!»

Open in Spotify

Segui Orazio Russo su Facebook | Instagram

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Continua
50%