Vai al contenuto
  • 2 min read

Il nuovo singolo di Enrico De Santis, “L’Ultima Eccezione”

Enrico De Santis canta e suona le canzoni che scrive. I suoi testi raccontano di amore, rabbia, speranza e nostalgia.
Attratto dalle diverse sonorità contemporanee, ha iniziato il suo viaggio musicale partendo dai cantautori e dalla lezione di Mogol e Battisti, poi sono arrivate le emozioni da stadio di Vasco e l’incontro con Afterhours, Marlene Kuntz, Moltheni e con altri protagonisti della scena del rock alternativo italiano. E se non ci fossero stati i Radiohead e gli Oasis tutto sarebbe stato certamente diverso.
In dimensione full band o in acustico, chitarre tiratissime o dolci ballate, a battere il tempo è sempre e solo la voglia di arrivare prima al cuore e poi alla testa di chi ha deciso di ascoltarlo.

Dopo i primi quattro brani realizzati a Torino, la città in cui ha vissuto quasi tutta la sua vita, i successivi sono stati prodotti vicino Roma, il luogo di origine in cui nella primavera del 2021 è, si può dire, tornato. Ad accompagnarlo in questa nuova fase del suo percorso personale e musicale, professionisti, musicisti e amici con i quali sta lavorando alla realizzazione dei prossimi brani. Un altro passo in avanti sul cammino senza fine della crescita esistenziale e artistica.

“L’Ultima Eccezione” parla di relazioni e di sesso, unici spazi in cui possiamo sentirci liberi e agire seguendo i nostri desideri.
Il sesso come libertà e liberazione, come l’ultima eccezione, come scampo, rifugio protetto in cui esprimere la nostra natura più vera e profonda. In tal senso l’autore accosta sesso e musica.

nv-author-image

Pan Music

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.