Vai al contenuto
  • 2 min read

Il 29/7 Lifeworld Festival @ Life Club Rovetta (BG)

Venerdì 29 luglio prende vita uno degli appuntamenti più attesi per chi tra Bergamo e valli vuol vivere un’estate 2022 piena di musica e ritmo: prende vita Lifeworld, festival che da sempre prende vita nel verde e nel fresco del Life Club di Rovetta (BG). Lo slogan di questa edizione, l’ottava mette già allegria: life is a circus, la vita è un circo… e sul palco del festival prenderanno vita show e performance da non perdere.

Sul palco: Giada Brincè, una delle dj girl italiane più richieste. Rudeejay, dj e produttore bolognese attivo in tutta Europa grazie a dischi e dj set che lasciano il segno. Con loro anche lo scatenato Edmmaro, Michael Antley, Menny, Robbie Dox e Stefano Marini. Al microfono c’è Carlotta Voice, Julia Joy è protagonista con il suo violino e non manca l’energia di Pippo Tendenza. Si balla dalle 21 a tarda notte.

Giunto alla sua ottava edizione, Lifeworld è ormai un evento consolidato . “Ospiteremo alcuni dei pià richiesti dj/produttori del panorama italiano, alcuni affermati, altri in rampa di lancio per diventarlo a breve. La novità di questa edizione è che metteremo in scena anche show e performance di qualità assoluta”, spiega Damiano Vassalli di DV Connection, l’organizzatore. “È sempre un onore per me e DV Connection poter organizzare al Life Club un’evento in continua crescita. Ringrazio in particolare Paolo Visinoni, il Life Club e tutti i compagni di viaggio in questa entusiasmante avventura”, conclude.

29/7 Lifeworld @ Life Club
via Vogno 7, Rovetta (Bergamo)

Info: +39 3494410654, +39 3355847474
www.lifeworldfestival.com
https://www.instagram.com/dvconnection/

Home

nv-author-image

ltc

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.