Vai al contenuto
  • 4 min read

Myky: Good Enough – Una canzone per l’Eurovision

GOOD ENOUGH – UNA CANZONE PER L’EUROVISION

Myky, cantautore di cui abbiamo imparato ad apprezzare la versatilità e la creatività vulcanica, ci sorprende reinventando una delle canzoni più amate del suo ultimo lavoro discografico GEMINI – PART I – CASTOR: Good Enough.

La nuova versione, online a partire dall’11 Febbraio, è stata studiata per il contest “Una Voce per San Marino”, la manifestazione internazionale attraverso cui la Repubblica di San Marino sceglie il proprio rappresentante per l’Eurovision Song Contest.

Per le finali delle selezioni, Myky e il producer Angelo Sika hanno ricreato un arrangiamento totalmente diverso dall’originale,dalle sonorità più elaborate, con accenti più scanditi e ritmi più avvolgenti. Gli echi disco ed elettro-pop, chiara eredità degli anni ’80 e ’90, sono sapientemente utilizzati per veicolare il messaggio di una sensibilità che è invece tipicamente contemporanea: Good Enough parte dall’esperienza e dal sentire personale del cantautore per diventare un canto all’orgoglio di essere se stessi, superando ostilità e avversità per distillare arte e bellezza dal dolore.

Open in Spotify

Un testo che trabocca di energia e consapevolezza, le armi vincenti – “light in my veins, burning fire” – per riconoscere se stessi nella pienezza del proprio valore e per incoraggiare l’altro ad abbracciare allo stesso modo il proprio essere, valorizzando la propria unicità tanto quanto quella altrui, in uno spirito di inclusione, apertura e fratellanza che ben rispecchia i valori che sono alla base del concetto stesso di Europa.

good-enough1

Riuscire ad affrontare tematiche introspettive e potenti in una canzone estremamente coinvolgente, gradevole da ascoltare e da ballare è l’ultimo di una lunga serie di quei trucchi magici in cui Myky è maestro: unire leggerezza e profondità, dinamismo e riflessione, in un dialogo di opposti che, in linea con il titolo dell’album e col messaggio stesso di Good Enough, rivela la necessità di accogliere in sé la duplicità e la diversità, per splendere in tutti i colori della propria anima.

Biografia & Background

Myky Petillo, cantante, cantautore, sognatore, di origini partenopee, nato sotto il segno dei Gemelli. Comincia la sua carriera artistica nel gruppo musicale The Dreamers con cui arriva alla fase finale dei Bootcamp della prima edizione di X Factor. Partecipa al talent show Social King su Rai 2 e Rai Gulp e si classifica al secondo posto. Nel Giugno 2018 pubblica il suo primo album di inediti “My Key” che contiene 10 canzoni scritte da lui, tra le quali i singoli “Secret”, “A Day Of Sun” , “My Friend”, “Bound To You“. Il disco è stato presentato in un tour di 34 date estive che hanno toccato diverse città italiane, ma anche in manifestazioni importanti come:

Casa Sanremo (febbraio 2019); RDS (aprile 2019, Milano, durante la RDS Music Marathon); Gulp Music (su Rai Gulp).

A Giugno 2019 Myky lancia il suo secondo disco, “MARS“, nato anche grazie al supporto dei fans che hanno partecipato attivamente ad un’iniziativa di crowdfunding targata Musicraiser. L’album contiene i singoli “I Don’t Care”, Mars”, “La Fine (in collaborazione con Mauro Fire e Luca Blindo) e “Killer“. Anche questo disco viene presentato ufficialmente alla Mondadori di Napoli. Subito dopo parte il “Mars Planet Tour” che tocca diverse città italiane. Nell’Agosto 2019 Myky apre il concerto di Luchè durante la manifestazione “Jambo

Summer Fest”. A Novembre 2021 ha rilasciato e presentato al Mondadori Bookstore di Napoli il primo volume del suo nuovo lavoro discografico: Gemini , di cui fanno parte i singoli “Stars”, “Gemini” , “Free Love” e “Oxygen”. Attualmente sta lavorando alla preparazione del secondo volume di Gemini.

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.