GOLDEN RAIN E LA LORO “GUERRA”. L’intervista

GoldenRain3

1 – Bentornati Golden Rain, ci parlate di tutto quello che è successo dal vostro primo ultimo EP ad oggi, periodo in cui sono usciti due singoli? 

Da Foglights e l’EP che lo conteneva sono passati 5 anni. Di li a poco abbiamo scritto “Break My Heart” un brano che faceva parte di un nuovo disco che stavamo scrivendo sempre in inglese e la colonna sonora di un film.

Poi è successo qualcosa. Una serie di eventi tra cui anche un terribile incidente in cui siamo stati coinvolti e subito dopo la pandemia, ci hanno dato filo da torcere ma anche nuovi spunti, nuove storie in grado di arrivare in maniera più diretta partendo da noi stessi, da chi siamo e come ci vogliamo raccontare.

2 – Cosa è cambiato da quel primo EP a questi ultimi due singoli? 

Il fil rouge dei nostri lavori è sempre lo stesso, questa naturale predisposizione ad esplorare i sogni e l’inconscio che da sempre ci accompagna nella scrittura e nella ricerca sonora.

E’ cambiata la lingua, non sappiamo se è una scelta definitiva ma al momento scrivere in italiano ci diverte molto.

3 – Nel frattempo avete firmato la colonna sonora del film “Fortuna” di Nicolangelo Gelormini con Valeria Golino. Come è stata come esperienza? Cosa c’è di diverso nel fare musica per il cinema?

Scrivere per il cinema è sempre stato un nostro sogno. Comporre un’intera colonna sonora ci ha dato la possibilità di fare un lavoro di ricerca che andasse oltre lo schema della canzone pop.  Nicolangelo Gelormini ci ha scelto e ci ha affidato l’intera sonorizzazione del suo film, cosi tra brani strumentali, droni, tappeti sonori e canzoni, abbiamo contribuito alla narrazione. La colonna sonora di Fortuna è a tutti gli effetti un disco ma è come se fosse scritto a più mani perché ha accolto non solo le nostre suggestioni ma anche quelle di Gelormini e Virgilio che con la loro sceneggiatura originale ci hanno guidato nel mondo oscuro della piccola Fortuna.

4 – Arriviamo alla stretta attualità, con il videoclip di Guerra, uscito in questi giorni. Ce ne parlate?

Guerra parla di noi e di come abbiamo vissuto gli ultimi due anni tra chiusura forzata e scene distopiche di città deserte. Per questo video abbiamo scelto di essere didascalici e sottolineare le azioni descritte nel testo utilizzando il viaggio nello spazio come metafora di fuga dalla realtà e cercando immagini che potessero raccontare in modo autentico la nostra esperienza.
Il regista, Michel Liguori e lo staff di Anartica Film sono entrati perfettamente nel mood permettendoci di realizzare questo viaggio intergalattico.

5 – Quali sono i vostri prossimi progetti?

Un terzo singolo/video a novembre. Sarà un brano molto psichedelico ed evocativo, frutto di un featuring che non vogliamo subito svelare. Seguirà quasi immediatamente un album di nove canzoni, tutte arrangiate e mixate nel nostro studio e ovviamente un live che non vediamo l’ora di portare in giro!

 

Potrebbero interessarti anche...