Gerardo Balestrieri – “ELETTRO GIPSY PANDEMIKA” (Interbeat, Aprile 2021)

Gerardo Balestrieri - “ELETTRO GIPSY PANDEMIKA” (Interbeat, Aprile 2021)

Nell’ attesa di alcune registrazioni dell’album Rue de la Paix ne ho registrato un altro di musica elettronica. Un disco inaspettato ma necessario, per me, in quest’ anno pandemico. Una sorta di omaggio alla lontana ai Kraftwerk che ho ascoltato poco con la sensazione di conoscerli da sempre. Sono nato nel 1971 a Wuppertal sulla Schwebebahn, la ferrovia monorotaia sospesa mentre a qualche km di distanza Ralf Hütter e Florian Schneider pubblicavano il loro primo album. Figlio di uno sradicamento contadino, i miei genitori emigrati, operai in fabbrica, con le mani nell’ acido e le orecchie all’ acufene. In questo disco compaiono infatti parole tedesche che mi sono rimaste in mente, addosso, come le luci, il grigio fumo, i colori, gli odori, i rumori e suoni di quell’ epoca. Un residuo arcaico e ancestrale su cui innescare batterie elettroniche e sintetizzatori… Il ricordo, cristallizzato, inaccessibile, si è svelato ed è emerso. Il passato che come una madeleine diventa presente. Oltre al tedesco, i testi sono in italiano, francese, inglese e sanscrito. Destrutturato il linguaggio ho cercato parole e frasi fonosimboliche, testi apparentemente senza senso, a tratti ironici, elenchi, analisi chimiche o contro indicazioni da foglietto illustrativo. Il sanscrito l’ho scelto per le sue vibrazioni, per il suono delle sue parole. 1971/2021 scrivevo prima: in questi cinquant’anni è cambiato tutto e niente. Il rapporto tra l’uomo e la macchina; la penetrante diffusione dei computer, l’ossessiva ripetizione in loop delle azioni quotidiane, la dittatura degli algoritmi, il controllo da tecnologia avanzata, gli anti social network, l’automazione. La velocità del mondo contemporaneo, l’utopia che ha ceduto il sogno alla distopia, fratture scomposte di una società che ho cercato di tradurre in musica. Questo tempo carico di emergenze, anestetista perfetto dei sentimenti è un congelatore di emozioni non solo nel mondo alienante della produzione industriale. Le catene di montaggio stritolano anche le cosiddette classi creative. La vita ridotta ad “opera d’arte”, nell’ epoca della sua riproducibilità tecnica, spettacolarizzata in ogni sua forma. Un disco che vuole allora essere danza della clausura, danza della tragedia della società contemporanea.

 

ELETTRO GIPSY PANDEMICA

01 ALFA CENTAURI

02 PANDEMIK

03 ANTI SOCIAL NETWORK

04 PARACETAMOLO

05 MACHINE

06 TELEFUNKEN

07 LES ESCARGOTS

 08 CHOMSKY

09 PATANJALI

10 NO PANIC ATTACK

11 ICH LIEBE DICH ICH LIEBE DICH NICHT

12 METEREOLOGIKA

 

CREDITI

GERARDO BALESTRIERI musiche. testi. sintetizzatori. voce. vocoder. arrangiamenti. produzione artistica. editing.

NEGHIN VAZIRI voce

GIORGIO BOFFA mixaggio

MATTEO TORCINOVICH grafica

GRAHAM FEAKINS photo copertina

 

 

ELETTRO GIPSY PANDEMICA, traccia per traccia

 

01 ALFA CENTAURI

PER USCIRE UN ATTIMO FUORI DA QUESTA DIMENSIONE TERRESTRE UN INVITO AL VIAGGIO CINEMATICO INTERSTELLARE DURANTE IL QUALE ASCOLTARE IL RESTO DEL DISCO IN ASSENZA DI PARTICOLARI GRAVITA’ UN PO’ SOSPESI ANCHE NEL GIUDIZIO

 

02 PANDEMIK

QUEST’ANNO E’ STATO CARATTERIZZATO DA PAROLE POTENTI PERCHE’ RIPETUTE FINO ALL’ OSSESSIONE… NELLA SPETTACOLARIZZAZIONE DELLA COMUNICAZIONE CHE HA CREATO ANSIE E ATTESE ECCOLE CONCENTRATE IN QUESTA CANZONE

 

03 ANTI SOCIAL NETWORK

I SOCIAL, O ANTISOCIAL, LA DITTATURA DELL’ ALGORITMO, LA DIPENDENZA DAI LIKE, I VIDEO GIOCHI E TUTTO IL RESTO CHE CI ALIENA E CI RENDE ALIENI OGNI GIORNO

 

04 PARACETAMOLO

IL NOSTRO FEDELE COMPAGNO DI VITA. IMPORTANTE. INDISPENSABILE. AMATO COME NESSUNO ALTRO A VOLTE PIU’ DI UN CARICA BATTERIA DEL TELEFONO

 

05 MACHINE

IL TITOLO E’ UN CHIARO OMAGGIO AI KRAFTWERK E ALL’ UOMO MACCHINA ANCHE SE IN QUESTO CASO CON ACCEZIONE FORTEMENTE NEGATIVA.

 

06 TELEFUNKEN

UN RICORDO TEDESCO E’ LA TV CHE AVEVAMO IN CASA UNA TELEFUNKEN CHE TRASMETTEVA LA BUNDESLIGA COME AL BANO E ROMINA IL TUBO CATODICO CHE DISTRAE CON LE SUE FRASI MAGICHE COME LE GIOSTRE, I KIRMS E CHE TROPPO SPESSO DIVENTA UN PARCO DI STUPIDI GIOCHI: GLI SPIELPLATZ.

 

07 LES ESCARGOTS

UNA CANZONE SCRITTA IN MEZZ’ORA CANZONE D’ AMORE UN PO’ NAIF LA PIU’ ESSENZIALE DEL DISCO UN PO’ MOLLE ANZI MOLLUSCA

 

08 CHOMSKY

UNA CANZONE CHE SI CHIEDE SE HAI MAI LETTO CHOMSKY IO NO… MA COME SE L’ AVESSI FATTO QUINDI UN INVITO CERTO ALLA LETTURA MA UN INVITO ANCHE A QUELLI CHE LO HANNO LETTO – A NON TIRARSELA TROPPO UNA VISIONE DEL MONDO ATTRAVERSO ALCUNI TITOLI DEI SUOI SCRITTI

 

09 PATANJALI

IL SUONO DEL SANSCRITO LE SUE VIBRAZIONI, IL MISTERO ATTRAVERSANDO L’ INVOCAZIONE A PATANJALI

 

10 NO PANIC ATTACK

UN ALTRO DISTURBO PSICOLOGICO CHE CI HA CONSEGNATO QUESTA EPOCA SONO GLI ATTACCHI DI PANICO. L’ ANSIA DA PRESTAZIONE CHE IL MONDO SPESSO CI IMPONE DIVENTA IMMOBILITA’,PARANOIA, PANICO APPUNTO CHE SPESSO ARRIVA SENZA UNA APPARENTE RAZIONALE MOTIVAZIONE

 

11 ICH LIEBE DICH ICH LIEBE DICH NICHT

UNA FRASE CHE NON SI SCORDA MAI SE SEI CRESCIUTO IN GERMANIA “TI AMO – NON TI AMO” UN PO’ COME “ESSERE O NON ESSERE” MA SOPRATTUTTO TANTO SCHIZOFRENICA COME QUESTO MOMENTO IL RESTO DEL TESTO FA PARTE DEL CONTESTO

 

12 METEREOLOGIKA

UNA CANZONE METEREOPATIKA ABBASTANZA SURREALE L’ ULTIMA DI QUESTO ALBUM CON TANTO DI SALUTI FINALI

 

 

© Interbeat Records

 

FB: https://www.facebook.com/interbeatrecords

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCq2xKWDGTsnC8OP4Zn5nAvg

IG: https://www.instagram.com/interbeat_records/

Sito Web: http://www.interbeat.it/

Spotify Pagina Artista: https://open.spotify.com/artist/1aiHhVJ4cmpEL04uNnD5dI?si=FTbwzWrxSmihEKzfFoqAjA

 

Edizioni Interbeat