October 26, 2021
Read Time:1 Minute, 33 Second
È uscito il 18 giugno , l’EP omonimo che battezza il progetto solista di Stefano Castelli.
La raccolta si apre con 1984, in collaborazione con Garbo e estratto, che celebra quell’anno dal punto di vista musicale; si continua con Chiusi, focus track dell’EP, che tratta il tema della convivenza forzata attraverso sonorità che si mischiano all’indie di inizio 2000. Si passa quindi a Parassiti e Berlino ’86, brani dalle sfumature dark, entrambi ispirati al mondo del cinema, per continuare con Paneuropea, canzone che riflette su una nuova idea di Europa, più aperta e più inclusiva. Ci si avvia alla conclusione con Canzone Italiana, brano più leggero, un vero e proprio divertissement sul cantautorato italiano, che invita l’ascoltatore a cogliere le diverse citazioni. L’EP si chiude con Sharp Blades Here, scritto con Luca Urbani e unico pezzo in inglese, dallo stile .

IL PROGETTO

Castelli è il progetto solista di Stefano Castelli, del gruppo post punk milanese Clone Culture.

Suona un mix di synth pop e new wave di ispirazione Anni ’80, con richiami al più classico cantautorato, aiutato nella produzione da Luca Urbani (Soerba, Garbo, Fluon), che è da considerarsi parte stabile del progetto anche per la parte live. Castelli scrive e suona tutto da solo e nei primi mesi del 2021 ha rilasciato due singoli inediti: 1984 – in coppia con l’icona della new wave italiana Garbo – e Paneuropea.

Grazie alle sue esperienze precedenti (Nerd Follia, the Phonograph, Nails & Castles, Clone Culture) l’ ha partecipato a due edizioni del MiAmi Festival e ha avuto il piacere di condividere il palco con: Metronomy, She Past Away, Kap Bambino, CJ Ramone, 2Many Djs, Shitdisco, Architecture in Helsinki, Porches, The Go! Team, Giuda, Planet Funk, Etienne De Crecy, Il Teatro Degli Orrori, Ministri, Motel Connection e tanti altri.

About Post Author

Elena.Martini

Close