Vai al contenuto
  • 2 min read

Filippo Arpaia pubblica il video di “Lascia stare”

filippo arpaiaFuori dal 24 giugno “Lascia stare”, il nuovo singolo di Filippo Arpaia scritto con Roberto D’Aquino e Marco Fasano. Questo brano racconta una storia d’amore tra due persone con una grande differenza di età. Un amore che si vorrebbe realizzare, ma con la coscienza che forse è meglio lasciare stare.

Filippo Arpaia e il suo nuovo video

Un sound delicato, intimo e poco invadente ci porta nella mente dei protagonisti combattuti tra il desiderio e la razionalità. Filippo Arpaia non gira attorno ai concetti e non si nasconde dietro tanti fronzoli, lascia che la musica sia pulita e il messaggio diretto. In un suono quasi minimal ci racconta di questo amore.

“Ci sono cose che malgrado tutto vanno evitate senza alcun ripensamento. Questa la trama di “lascia stare”. Pochi fronzoli anche nei suoni chitarre acustiche e tanto soul”, così l’autore descrive il proprio brano.

Lascia stare” è l’amara presa di coscienza che non tutto si può realizzare e che a volte forse l’amore non basta, bisogna prendere atto di quello che è la realtà. Il brano è una canzone sincera, accorata, emotiva e intrisa di passione con un po’ di nostalgia.

Questo sound minimalista e questa dolcezza di cui è pregna trasformano “Lascia stare” in una sorta di abbraccio. Una di quelle canzoni che non lascia solo l’ascoltatore. Lo porta in un mondo intimo, introspetivo. Lo lascia sfogare e se ne prende cura come un buon amico.

Produzione Artistica e Arrangiamento: Roberto D’Aquino

Basso e chitarra elettrica: Roberto D’Aquino

Chitarra acustica: Marco Fasano

Cori: Tiziana Lardieri – Antonio Carbone – Marco Fasano Missaggio Francesco Di Tullio

Etichetta: Clapo Music Marechiario edizioni musicali

nv-author-image

Michele

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.