AlcuneLacune_Dimentica

“Dimentica” è il nuovo brano di ALCUNELACUNE

Tempo di lettura:3 Minuti, 34 Secondi

ALCUNELACUNE “Dimentica” è il nuovo brano dell’artista milanese che anticipa l’album di prossima uscita

Una danza passionale che racconta di un tradimento, scritto vent’anni fa e colorato oggi di nuove sfumature 

In radio dal 26 novembre

Tra le icone della disco music italiana ci sono i fratelli Carmelo e Michelangelo La Bionda. Per loro Andrea Ricci, alias, Alcunelacune scrive il brano “Dimentica”, inserito nell’album di Suso di cui i fratelli sono editori.  

«Erano le prime canzoni che scrivevo, registrate chitarra e voce su un mangianastri Grundig degli anni 70’ che portavo nel loro mega studio Logic a Milano per fargliele ascoltare. Forse anche questo li colpì inizialmente. Ancora oggi non perdono occasione per esprimermi il loro affetto e la loro stima e io continuo ad esser loro grato per avere riposto in me tanta fiducia». alcunelacune

La canzone piace e conquista il premio della critica al Festival della Musica di Mantova. 

«Sarebbe il caso di farne una versione maschile» commenta qualcuno, ma la versione riadattata di “Dimentica” arriva solo vent’anni dopo, entrando, come unico brano già edito, nel nuovo disco in lavorazione del cantautore milanese

Nel brano suonano

Valentina Colorni – cori

Gianluca Mancini – tastiere

Donato Brienza – chitarra

Stefano Fascioli – basso e contrabbasso

Lucio Sagone – batteria 

Registrato da Gianluca Mancini presso il Mai Tai studio di Milano

Autoproduzione

Leggi anche:  Se non spicco il volo è il nuovo singolo di Francesco Esposito

Edizioni: La Bionda Music Snc di Carmelo e Angelo La Bionda

Radiodate: 26 novembre 2021

Contatti e social

Instagram https://www.instagram.com/alcunelacune/

Facebook https://www.facebook.com/alcunelacune

Youtube https://www.youtube.com/channel/UCf3D4hbv0qAGBmnUZOEelrA 

Bandcamp alcunelacune.bandcamp.com

Soundcloud https://soundcloud.com/alcunelacune

BIO 

Napoletano di nascita, milanese di adozione, vive l’infanzia e la prima adolescenza sentendosi sempre straniero: “un terrone” a Milano e “il milanese” per la famiglia napoletana.

Dal 1986 al 1998 suona da autodidatta prima la batteria e poi il sax tenore in varie formazioni riuscendo comunque a diplomarsi e a iscriversi alla Facoltà di Architettura al Politecnico di Milano. Nel 1994/95 è a Lisbona, dove suona il sax on the road,  comincia a mettere le mani sulla chitarra e a scrivere le prime canzoni. 

Dal 1996 al 1999 milita nel gruppo ska milanese Vallanzaska collaborando alla scrittura musicale e dei testi nel disco “Cheope”.

A cavallo tra il XX e il XXI secolo scrive i primi brani per Susanna Colorni, in arte Suso, della quale i fratelli Carmelo e Michelangelo La Bionda producono il primo disco presso il mitico studio Logic di Milano.

Nel 2003 comincia a lavorare al suo progetto, i Solidamòr.

Nel 2004 esce il primo disco “Solidamòr” (Akwaba Records – distribuzione Sony). Nel 2005 con gli amici della Saphary De Luxe (l’agenzia di booking della band) è tra i soci fondatori del Circolo Arci Magnolia.

Nel 2006 con Saphary De Luxe pubblica il secondo album dei  Solidamòr, “One Man Show” (distribuzione Venus).

Nel 2008 diventa padre per la prima volta. Chiude l’esperienza Solidamòr e lascia il Circolo Magnolia per dedicarsi alla famiglia e riprendere in mano gli studi. 

Nel 2011 diventa padre la seconda volta.

Nel 2019 entra in studio (dietro il mixer il suo vecchio socio Vallanzaska Gianluca Mancini).

Nel 2021 esce con un nuovo singolo “Gioco di prestigio”.

Close