Vai al contenuto
  • 4 min read

Come è nata l’ispirazione per Monochromatic? Intervista ai Milano 84

Fabio Di Ranno (sceneggiatore di cinema e tv/autore/musicista) e Fabio Fraschini (musicista/bassista/producer) con il progetto musicale MILANO 84 rielaborano elementi iconici e trasversali degli 80s per avvicinarli al gusto contemporaneo e dare forma a un nuovo immaginario.

Dopo la pubblicazione in vinile, finalmente in distribuzione digitale Believe per Lost Generation Records,  Monochromatic, il primo album dei  Milano 84.

Un nuovo disco che nasce dal desiderio e dalla curiosità di manipolare il sound degli anni 80 con consapevolezza e leggerezza, la scelta audace di un duo che oscilla tra italodisco e synthpop con eleganza e grooveMonochromatic vanta collaborazioni del calibro di Vincenzo Salvia (Stranger Things) e Fabio Liberatori (Dalla, Stadio), alternando le mille sfaccettature dei vocalist ai remix che miscelano il tutto con un tocco contemporaneo.

Ecco cosa ci hanno raccontato i Milano 84 al riguardo

Partiamo con una presentazione di stampo classico: chi siete, da dove venite, come descrivereste il vostro progetto artistico a chi vi scopre per la prima volta?

Fabio Di Ranno – Veniamo da Roma e ci siamo conosciuti lavorando in una serie tv. La comune passione per il sound 80s ci ha portato a comporre le prime canzoni assieme. Milano 84, così abbiamo scelto di chiamarci, sintetizza bene il nostro immaginario: a Milano, negli anni 80, arte, moda, fumetto, design, musica erano avanguardia che si faceva pop. Ci piace l’idea di rielaborare oggi quello slancio creativo, farlo nostro in maniera originale e portarlo nel futuro.

Parliamo un po’del vostro background musicale: quali sono gli artisti che vi hanno maggiormente influenzato e quali sono state le esperienze maggiormente rilevanti nel corso della vostra formazione?

Fabio Fraschini – Si parte dalla musica pop che popolava le classifiche negli anni ’80, passando dal prog di matrice britannica per arrivare all’elettronica e alla new wave. Le esperienze formative non possono che essere le esibizioni live degli artisti preferiti. Nell’epoca pre-internet, quando a malapena si conosceva l’aspetto fisico di un cantante o di una band, il concerto rappresentava il momento della scoperta, dell’illuminazione.

Come dovrebbe essere secondo voi un live perfetto?

FD – Il live perfetto è quello che ti fa scoprire gli aspetti più profondi di un artista. Scavalcando la velocità di fruizione dei singoli in streaming, il live è diventata la dimensione più adatta (se non l’unica) per instaurare un rapporto intenso tra chi crea e chi ascolta. Nello specifico poi, le nostre canzoni sono sentimenti felici/tristi che, oltre ad ascoltare, puoi ballare. Un modo di entrare in connessione live davvero totale.  

Quali sono, secondo voi, i pro e i contro della scena musicale in Italia?

FF – C’è una grande qualità e creatività. Ci sono progetti sorprendenti come M!r!M, ad esempio, che non trovano lo spazio che meriterebbero sia per la difficoltà generale ad emergere sia per una certa “resistenza” storica a supportare e considerare gli artisti di casa nostra.

Come è nata lispirazione per “Monochromatic” e qual è la situazione ideale per ascoltare questo album?

FD – La linea guida di “Monochromatic” è stata quella di fare un album di canzoni che suonassero emozionanti all’orecchio di chi le ascolta o le balla, mixando insieme italo disco e pop d’autore. Un grazie enorme va alle interpreti con le quali abbiamo lavorato: Killme Alice, Eleonora Cardellini, Vanessa Elly, Laura Serra e Alice Silvestrini, che sarà con noi nei live. La situazione ideale per ascoltare “Monochromatic”? In un club, sicuramente.

Cosa potete raccontarci del vostro disco in uscita?

FF – Il disco è già uscito in formato vinile ed è ora disponibile in streaming sulle principali piattaforme. Rappresenta la “summa” del percorso dei Milano 84 fino a oggi: 16 tracce tra brani originali, versioni alternative e remix arricchite da collaborazioni illustri come quelle di Eugene, Fabio Liberatori, Gianluca Divirgilio, Vincenzo Salvia, e sorprendenti, come Diego Burroni, La Tosa e Daniel Seven.

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.