Vai al contenuto
  • 2 min read

Brai affascina con i suoi “Soliti pensieri”

Davide Rinaldo, in arte Brai e’ un compositore e cantante di Reggio Emilia; Classe 1991 entra in contatto con la musica in tenera eta’ grazie al fratello maggiore chitarrista che gli trasmette una grande passione per la musica rock. Nel corso degli anni impara a suonare la chitarra, batteria e pianoforte autodidatta e a 18 anni entra a far parte di una Band Rock-Progressive come batterista suonando live in svariati locali di Reggio e provincia. Resta con loro 2 anni dopodiche’ il suo estro creativo e individualista lo porta di li’ a breve a voler creare un prodotto musicale tutto suo , da solista. Dopo essersi costruito il proprio Home studio e varie sperimentazioni ecco che nel 2018 pubblica il suo primo singolo intitolato “CazzoGridi” firmando un contratto discografico con l’etichetta reggiana “Artisti Online”.

Open in Spotify

Pubblica successivamente altri 2 singoli chiamati “Rettiliano” e “Psyco-Pop” riscuotendo un dignitoso numero di ascolti per poi uscire con il suo primo disco nel Dicembre del 2020 inserendo al suo interno altri 4 inediti. Compone la sigla di due programmi radiofonici grazie a conoscenze nel settore e nel 2021 vince un contest di artisti emergenti a livello nazionale chiamato #Artistiemergentimusiccontenst premiato con la produzione e pubblicazione del brano (Soliti pensieri)

nv-author-image

Francesca

Appassionata di musica e di scrittura, assidua frequentatrice di concerti, collaboro con testate giornalistiche online locali

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.