Vai al contenuto
  • 2 min read

“BIPOLARE”, dal 24 settembre in radio il nuovo singolo di Daniele Rotondo

“Bipolare” è il nuovo singolo e video di Daniele Rotondo. Il brano, estratto dal nuovo disco “Il mondo è qui”, è disponibile in radio dal 24 settembre e segue l’uscita di “Lasciarsi andare” premiato al Roma Videoclip con il Premio Cinecittà Panalight.

“Bipolare” è un brano molto importante e al quale sono particolarmente affezionato.” – Racconta Daniele Rotondo – “Ho pensato il testo come una continua descrizione di situazioni in contrapposizione tra loro, perché credo che ogni individuo abbia, nel suo profondo, una doppia anima con cui deve fare i conti tutti i giorni”.

Una canzone che racconta il dualismo presente nel profondo di ognuno di noi dove si incontrano e si scontrano diverse sfaccettature della stessa personalità. Queste, a volte, trovano la loro sintesi in un equilibrio precario mentre, in altre, generano squarci nella nostra anima che si trasformano in opportunità per metterci in discussione.

La naturale propensione al palco di Daniele Rotondo è trasposta nel videoclip, girato alla Tenuta dell’Olmo (Roma) per la regia di Diego Coluzzi. Il protagonista è lo stesso artista nei panni di un cantastorie accompagnato dalla sua band. Suoni energici e chitarre anni 90 fanno da tappeto musicale a questo dissidio interiore che resta un punto di domanda al quale solo l’ascoltatore, alla fine, potrà rispondere in prima persona.

“Bipolare” – Crediti:

Testo e Musica: Daniele Rotondo

Codice ISRC: ITRJ02100002

Regia Videoclip: Diego Coluzzi

Location: Tenuta dell’Olmo, Roma

nv-author-image

Francesca

Appassionata di musica e di scrittura, assidua frequentatrice di concerti, collaboro con testate giornalistiche online locali

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.