“PEOPLE OF THE UNDERWORLD” È IL NUOVO ALBUM DEI NIAMH

“PEOPLE OF THE UNDERWORLD” È IL NUOVO ALBUM DEI NIAMH

Nell’oscurità si aggirano creature reiette, che covano sentimenti di tristezza e di vendetta: i NIAMH hanno deciso di dedicare a loro il quarto e nuovo album: ecco PEOPLE OF THE UNDERWORLD.

PEOPLE OF THE UNDERWORLD non è semplicemente un album, ma un viaggio nel sé più profondo. Più che goth, con un retrogusto di rabbia e vendetta. Un modo per affrontare insieme la tristezza e l’euforia.

"Siamo i diversi, i reietti, quelli che quando passi, la gente si parla nell'orecchio guardandoti di nascosto. In PEOPLE OF THE UNDERWORLD urliamo solitudine, rabbia, rivalsa”.

Click here to display content from Spotify.
Learn more in Spotify’s privacy policy.

TRACCIA PER TRACCIA

THE UNLOVED: “Volevamo un brano forte, con chitarre pesanti, che trasudasse introspezione e intimità”

SONS OF GOD: “Una ricerca verso una spiritualità alternativa, dove urliamo rabbia e sospiriamo rassegnazione”

SHINING LIKE SIRIUS: “Qui rallentiamo un po’, guardiamo noi stessi allo specchio, cerchiamo di mettere a fuoco il mondo in cui viviamo, con un po’ di dolcezza e poesia”

I, THE UNDERDOG: “No one likes us, we don't care” è l'intro della canzone, senza mai riprendere fiato, è una corsa a rotta di colla, contro tutto e tutti. Si ispira alla tifoseria del Milwall, first division del campionato inglese”

A TIME FOR FAREWELL: “Qui la solitudine e la tristezza vincono: si parla di amori che se vanno per sempre. Fun Fact: l'intro parlato è un estratto di un monologo di Ali Agca”

ANTIBIOTIC: “Si torna a urlare, dritti in faccia. Senza riprendere fiato, come pazzi. Harakiri ci dà una mano con le sue spoken words taglienti e ritmate”

  “People of the Underworld” intervista con i NIAMH

THE WOW EFFECT PRT2: “E' forse il brano più sognante e poetico del disco, si torna a parlare di addii e solitudine"

KILLJOY: "Pezzo strumentale solo elettronico, ansiogeno, cinematografico e opprimente"

SEEK & DESTROY: “Sono i Metallica: cosa dobbiamo aggiungere?”

NIAMH

Nonostante la loro giovane età (come band, eh!), i NIAMH hanno già raggiunto alcuni obiettivi importanti per quanto riguarda i concerti dal vivo, sia in Italia che all'estero attraverso l'Europa e soprattutto nei grandi festival. E continuano ancora a battere la strada (no, nessun doppio senso), quindi tieni d'occhio i loro canali social media perché non puoi sapere se suoneranno proprio alla porta accanto. Sinceramente hanno già avuto qualche soddisfazione: hanno aperto per i Soulfly, Enter Shikari, Lacuna Coil, Placebo, Arch Enemy, Dark Tranquillity, Chemical Brothers e molti altri.

Dopo un anno di duro lavoro, trovano un'etichetta e pubblicano CORAX, il loro album di debutto. Non elencano tutte le loro influenze, è meglio e più divertente ascoltarlo. Per te sarebbe stato troppo facile, altrimenti! Perché chiamarlo CORAX? Bene, che domanda. Perché tutti i titoli più belli erano...no, dai, scherzando. CORAX: oscuro, poetico, noir. Un po' di Poe ogni volta. E molto NIAMH

Il secondo album è stato pubblicato a novembre 2019, chiamato SUPERSONIC. Lo hanno promosso con tanti live, suonando per la prima volta in Russia! Sopravvissuti alla vodka, sono tornati e hanno dovuto rimanere bloccati per il COVID e annullare il resto del tour. Tempi duri. SUPERSONIC è in qualche modo più diretto, più elettronico, più introspettivo. Come piace dire a loro, tra Depeche Mode e Cannibal Corpse.

In un momento di lockdown e frustrazione, hanno composto il nuovo album AUTUM NOIR. Un tocco di goth, un qualche decadentismo qua e là, growls e ritornelli orecchiabili. Ed eccoli qui con il quarto album: PEOPLE OF THE UNDERWORLD.

  "People of the Underworld" il quarto album dei NIAMH

PAGINA INSTAGRAM

Roberto
Roberto

Ideatore e Fondatore di Diffusioni Musicali, collaboro con diverse realtà del settore musicale per promuovere con esse giovani artisti e musica emergente.