ALGIERS

ALGIERS in concerto @Arci Bellezza martedì 24 ottobre

ALGIERS

in concerto martedì 24 ottobre 2023
@ARCI BELLEZZA, MILANO

ingresso riservato ai soci ARCI, per info:
https://www.arcibellezza.it/tesseramento/

ALGIERS in concerto @Arci Bellezza martedì 24 ottobre

BIO ALGIERS

"The world got shook". Così gli Algiers hanno formato una crew.

Rintanata nella nativa Atlanta, la band, che ha costruito uno dei cataloghi più entusiasmanti degli ultimi anni, ha riunito un gruppo di artisti affini per creare il su quarto album SHOOK. Pieno di ospiti che vanno dalle icone alle star del futuro, con gli Algiers come ponte di collegamento tra mondi e suoni, questo lavoro è un parafulmine per un’energia e un sentimento inafferrabili ma universali. Una pluralità di voci; un ritorno a casa spirituale e geografico; una strategia di comunione in un mondo che brucia; la storia della fine di una relazione; una festa estiva sulla veranda di Atlanta. Un set di 17 tracce della musica più emozionante ed espandibile che ascolterete in futuro.

SHOOK è nato nel mezzo di una necessaria pausa dalle pressioni che si insinuavano da più parti. "Siamo rimasti tutti scossi", dice il polistrumentista Ryan Mahan. Si è rivelata un'occasione perfetta per ricalibrarsi, mentre si riconnettevano come amici e perdevano ore immersi in decine di episodi di Rhythm Roulette e Against the Clock e scendendo in profondità nella tana del coniglio dell'alt-rap di YouTube.

Ciò ha innescato un intenso processo di beatmaking per il cantante Franklin James Fisher e Mahan. Una rivisitazione del capolavoro rap newyorkese degli anni '70 intriso di punk di DJ Grand Wizard Theodore, “Subway Theme”, è servito da moodboard spirituale per l'impollinazione incrociata di stili urbani e controculturali al centro dell'approccio degli Algiers. Hanno affinato le loro abilità come produttori rispettando al tempo stesso un vasto lignaggio di iconoclasti rap e punk da DJ Premier, DJ Screw e Dead Boys a Lukah, Griselda e Dïat. La band ha continuato nel percorso tracciato dal proprio montaggio free jazz del 2020, unico nel suo genere, “Can the Subbass Speak?”, tagliando e avvitando ritmi su un polveroso SP-404 e un Sequential Circuits Tempest, costruendo librerie di campioni immaginarie da zero e alimentando suoni trovati e performance dal vivo attraverso una serie di sintetizzatori modulari e registratori.

  Pop Porno è il nuovo singolo dei Cassandra

L'approccio assimilativo e pratico li ha incoraggiati a pensare alle canzoni non solo come produttori esecutivi per la prima volta dal loro debutto, ma anche come un canale per una molteplicità di voci. Sebbene la comunità e la collaborazione siano sempre state parte integrante dell’etica degli Algiers, SHOOK la porta alla sua massima manifestazione. Le note di copertina si leggono come un "who's who" della musica underground contemporanea e innovativa, con Zack de la Rocha (Rage Against The Machine), Big Rube (The Dungeon Family), Billy Woods, Samuel T Herring (Future Islands), Jae Matthews (Boy Harsher), LaToya Kent (Mourning [A] BLKstar), Backxwash, Nadah El Shazly, Deforrest Brown Jr (Speaker Music), Patrick Shiroishi, Lee Bains III e Mark Cisneros (The Make-Up, Kid Congo Powers). I loro contributi rimodellano e ricontestualizzano abilmente la nozione di essere scosso da una varietà di prospettive, occupando ruoli mutevoli come oracoli e narratori. "Approfondisce e amplia molto il mondo degli Algiers", afferma il batterista Matt Tong.

“This a relapse / what it be god / No rehab for my jihad / A rapture in a grief storm / Time on my neck an’ it be gone” sputa Zack De La Rocha nella vertiginosa "Irreversible Damage" fino ad un climax di ritmi rumorosi, chitarre serpeggianti ed elettronica pulsante. “La fine di quella canzone è un suono di gioia”, dice Fisher circa il climax del brano. "Ecco come suona la speranza nel 2022, quando tutto sta andando in pezzi." Backxwash, Fisher e Billy Woods si scambiano versi sulla resistenza nera, le PsyOps e l'oppressione della polizia nell'epica "Bite Back", con Backxwash particolarmente velenoso con i pungenti versi: "These fascists don't mask they faces / They do just what they do / The news said I was looney / Till poof, happens to you".

  Omaggio a Battiato, un nuovo grande evento a Ispica

In "I Can't Stand It" la voce incisiva di Fisher si accoppia con nitidi colpi tintinnanti mentre Samuel T Herring di Future Islands offre un ritornello morbido come il caramello, prima che Jae Matthews dei Boy Harsher sposti il ​​tono su un terreno più oscuro con un monologo parlato. All'insaputa di Matthews, la canzone parla della dissoluzione della relazione a lungo termine di Fisher, e quando Fisher ha sentito versi come “I just wish that we could figure out a way to see each other and not destroy one another completely in the process”, l'emozione a cui Matthews ha attinto intuitivamente lo ha portato alle lacrime.

In “Out of Style Tragedy”—che rende omaggio a Sun Ra—Fisher dichiara: “ascolta il suono”. "Questa è una vera e propria dichiarazione", dice. “Ascolta la musica e poi avremo una conversazione. Voglio solo avere la libertà di discutere le cose come artista nel modo in cui un artista bianco ha la libertà di fare. Ma essendo in una band percettivamente politica, ed essendo il cantante nero come frontman, è quasi come se mi sentissi messo a tacere se voglio parlare di qualcosa che non sia immediatamente riconoscibile e, utile, per gli ideali politici personali delle persone”. Il sentimento riecheggia nel testo di "Cleanse Your Guilt Here", giustamente intitolato, che irradia la contagiosa anima psichica degli RZA dell'era Supreme Clientele.

Atlanta, dove ha avuto luogo la genesi di questo disco, è in definitiva il suo cuore. Si apre con l'annuncio di un treno robotico dall'aeroporto di Hartsfield, iconico per molti nativi di Atlanta, che spaventava Fisher quando era bambino. Le registrazioni sul campo e i campioni originali creati dalla band enfatizzano il senso di luogo, collettività, comunità immaginata e casa. Le cicale cantano all'unisono nel profondo dei boschi; il vento vortica tra pini, querce e alberi di gomma dolce; le trasmissioni radio interstellari si scontrano con le conversazioni telefoniche sorvegliate; il tutto costruendo un mondo che evoca l’inafferrabile esperienza sensoriale di crescere nel sud urbano. “Essere ad Atlanta in estate è unico. Fa molto caldo, è umido e paludoso, ci sono tempeste e kudzu”, dice Mahan. "È il modo in cui interagiscono le aree urbane e rurali, catturando quel suono e quella sensazione." "Lavoravamo in un ambiente a cui eravamo abituati", aggiunge il chitarrista Lee Tesche. "Sembra il disco più Algiers che abbiamo mai realizzato."

  Matthew Sax pubblica “Kiwi” su Blanco y Negro Music

La realizzazione di questo disco è resa ancora più impressionante dal fatto che è stato realizzato da una band che stava andando in pezzi e sull'orlo dello scioglimento. Invece hanno prodotto un disco straordinario e trasformativo, nato da un senso condiviso del luogo e dell'esperienza. “Penso che questo disco sia per noi il ritrovamento di casa”, dice Mahan, con Fisher che aggiunge: “È stata un'esperienza completamente nuova e positiva: avere un rapporto rinnovato con la città da cui veniamo e esserne orgogliosi. Mi piace l’idea che questo disco ti abbia portato in un viaggio, ma inizia e finisce ad Atlanta”.

https://www.arcibellezza.it/eventi/mese/

https://www.instagram.com/arci_bellezza/

Roberto
Roberto

Ideatore e Fondatore di Diffusioni Musicali, collaboro con diverse realtà del settore musicale per promuovere con esse giovani artisti e musica emergente.