Cristina Ferro

Come mi vuoi, Angelo e Hai scelto per me di Cristina Ferro

Cristina Ferro: dalla pittura alla musica

La cantautrice italo francese racconta del suo percorso di artista e dei tre nuovi singoli prossimi alla registrazione.

Come mi vuoi, Angelo e Hai scelto per me.  Cristina Ferro, cantautrice  emergente italo francese, torna con tre nuovi brani, dopo il suo singolo d’esordio Ma dimmi tu dalle melodie pop-rock anni 80.

Come mi vuoi, Angelo e Hai scelto per me. Cristina FerroI tre singoli, non sono ancora stati registrati, ma sono disponibili sui profili social dell’artista che, come racconta, non ha voluto perdere l’occasione di farli conoscere al suo pubblico di followers, in attesa di poter completare la registrazione, in tempi vicini.

«Avevo scritto queste canzoni qualche tempo fa – racconta l’artista _ ma nel frattempo tra il Covid e la gravidanza che ho avuto, ho ritardato per andarle a registrare in studio.  Per il momento le ho pubblicate sul mio profilo Instagram perché non voglio avere rimpianti. Tra poco la mia bambina avrà un anno e avrò tutto il tempo per andarle a registrare come si deve».

E la maternità è stata, in effetti, proprio ispirazione del singolo Quando hai scelto per me, con il quale la Ferro parla del rapporto genitori figli. «Essere genitori – spiega – è un ruolo complicato. Noi genitori vorremmo sempre essere perfetti per i nostri figli, ma la realtà è che siamo degli esseri umani in piena crescita. Questa canzone è la consapevolezza che un genitore fa il meglio che può per il proprio figlio, anche se a volte il figlio ci mette tanto a capirlo e probabile quest’ultimo lo comprende quando diventa genitore a sua volta».

Come mi vuoi è invece una canzone dal ritmo blues con la quale – racconta  l’artista –  superò i provini del TourMusicFest  di Napoli del 2018,  e che ha tirato fuori dal cassetto auspicando di cantarla un giorno con dietro un coro afro americano.  Angelo, infine, è ispirata dalla musica dell’artista francese Hatik Angela e il testo parla di una giovane donna che sogna di avere sempre il suo amore accanto.

Le tre canzoni, come detto, seguono il singolo d’esordio Ma dimmi tu che è una sferzata di note rock con alcune parole finali in francese in sottofondo.  Influenza francese che è molto presente nel vissuto  di Cristina Ferro, avendo un padre italo francese e abitando a Lione ormai da molti anni.
Proprio a Lione, infatti, è iniziato il suo cammino artistico nel 2006 come cantante del gruppo rock Drapo Noir e durato fino al 2010.

La vena artistica di Cristina però in questi anni non si è manifestata solo attraverso la musica. Dal 2008 al 2009 si è specializzata infatti presso la Scuola di Teatro della Compagnia “Premier Acte”. Nel 2008 viene selezionata come comparsa per il film francese “Gamines”  realizzato da Eleonore Faucher. Nel frattempo si è dedicata anche alla realizzazione di quadri che oggi si possono ammirare anche sulla sua pagina di Facebook “Arte della Luna”.
«Il mio animo è creatore—conclude la Ferro. Ma il mio più grande sogno resta quello di cantare».

SEGUI CRISTINA FERRO SU SPOTIFY – INSTAGRAM  – YOUTUBE  – FACEBOOK